Copertina de La Zattera Astronomica. Illustrazione: 'The Girl from Outer Space' di Nicoletta Ceccoli.Quarta di copertina: Caricatura di Nanni Bignami con i suoi amati formaggi mummificati di Joao Oliveira. Strillo di Massimiliano Parente: 'Esilarante, commovente, dissacrante, il racconto di una infanzia scientifica irresistibilmente tragicomica.'
Copertina e quarta de La Zattera Astronomica. In copertina: Illustrazione 'The Girl from Outer Space' di Nicoletta Ceccoli. In quarta: Caricatura di Nanni Bignami con i suoi amati formaggi mummificati di Joao Oliveira. Strillo di Massimiliano Parente: 'Esilarante, commovente, dissacrante, il racconto di una infanzia scientifica irresistibilmente tragicomica.'
IBS Feltrinelli
«Avete mai visto un astrofisico e un plasmista costruire una zattera? No. E ci sarà un motivo»

Bio

Giulia Bignami è nata a Milano nel 1990, figlia di due astrofisici, Giovanni Bignami e Patrizia Caraveo. Dopo la laurea in chimica, ha conseguito il dottorato presso l’Università di St Andrews in Scozia e si è trasferita a Edimburgo, dove vive e lavora come manager e ricercatrice clinica. Collabora con «HuffPost Italia», «Prometeo Mondadori», «Wired» e le pagine culturali de «Il Giornale» e «Il Sole 24 Ore».

Non è politicamente corretta.

Giulia Bignami, foto di Dino Sidoti.
Copertina de La Zattera Astronomica. Illustrazione: 'The Girl from Outer Space' di Nicoletta Ceccoli.

La Zattera Astronomica

Come sopravvivere a un papà scienziato

Come ci si ritrova a sei anni a sapere cantare come una stella di neutroni? O a fare gare di caccia ai satelliti nelle notti estive? Com’è ritrovarsi un astronauta a colazione e un premio Nobel a cena? Come dev’essere, per una bambina, girovagare nei corridoi dell’Accademia dei Lincei fra mummie e lasagne? Tra formaggi che camminano, pericolose trappole Viet Cong, strampalati fisici teorici che girano per casa, dessert esplosivi e altre improbabili avventure: essere figlia di uno scienziato può essere un’esperienza dura e meravigliosa. Giulia Bignami, figlia dell’astrofisico scomparso Nanni Bignami e lei stessa scienziata, racconta la sua infanzia incredibile, a volte traumatica, spesso fantastica, in un racconto esilarante e commovente. Tra romanzo di formazione, saggio pop e irriverente racconto di vita, questo libro delizioso, da cui è impossibile staccarsi una volta iniziato, è al tempo stesso la sua vendetta e il suo atto d’amore. Come una lettera al padre di Kafka ma riscritta da Lewis Carroll, un’avventura tragicomica di una Alice che ci porta a spasso in un Paese delle meraviglie che sfiora i confini dell’universo.

«Esilarante, commovente, dissacrante, il racconto di una infanzia scientifica irresistibilmente tragicomica.»
Massimiliano Parente

Articoli

5 articoli su 44

Stampa

Eventi

Nessun evento in programma